...Professionista antincendio BS1075P88 & tecnico "ATEX"
...Professionista antincendio BS1075P88 & tecnico "ATEX"

Novità

BERNAZZOLI Per. Ind. ENZO vi informa su tutte le sue attività.

Abbiamo siglato l'accordo per servizi tecnici Feber Group

Nuove tecnologie nella sicurezza dei trasporti Le nostre idee nella security e safe. BERNAZZOLI Per. Ind. ENZO fornisce servizi di consulenza  nella scelta di prodotti di mecatronica nel settore sicurezza dei trasporti e nel telecontrollo dei beni trasportati.

Abbiamo siglato l'accordo per servizi tecnici iGreenTech

Le nostre idee hanno successo. BERNAZZOLI Per. Ind. ENZO fornisce servizi di consulenza per assistere i clienti iGreenTech nella scelta di prodotti di mecatronica e a ridotto consumo energetico oltre a fornire indicazioni sul reale vantaggio economico ad utilizzare sistemi di produzione alternativi.

Nuovi servizi specialistici - Lavori in quota...che brividi !!!

Vertika è nata dall'esperienza di 20 anni di lavoro nel mondo della sicurezza, durante i quali sono stati integrati servizi inerenti i sistemi di gestione aziendale ISO e OHSAS, formazione ed indagini in ambiente.

La nostra missione è fornire una consulenza altamente specializzata per quelle aziende che lavorano e operano in ambienti particolarmente difficili o con committenti particolarmente esigenti.

Qualifica di pubblico ufficiale - Gruppo di verifica GSE

Ai sensi del punto 9 dell’Avviso pubblicato il 2 aprile 2014 che la candidatura è risultata idonea all’inserimento nell’Albo n° 4 dei componenti dei Gruppi di Verifica costituiti presso la Direzione Verifiche e Ispezioni del GSE.

Nello svolgimento delle attività di controllo, assume la qualifica di pubblico ufficiale ai sensi dell’articolo 4, comma 2, del DM 31 gennaio 2014 e dell’articolo 42, comma 1 del D.lgs 3 marzo 2011, n. 28

TECNONOTIZIE - NEWS 2017-18

Rifasamento, che fatica !!!!

A partire dal 2016 la delibera 180/2013/R/EEL dispone che i valori unitari siano determinati anno per anno dall’AEEG in base a una nuova formula. Per i clienti si tratterà di attendere la pubblicazione di tali valori. La novità più importante riguarda l’abbassamento della soglia oltre la quale scatta la penale: la penale scatterà da una percentuale di reattiva rispetto all’attiva del 33% e non più del 50% come previsto finora (vedi tabella sottostante).

  Soglie oltre le quali si pagano penali rispetto al 
consumo di energia attiva nelle fasce F1 e F2
Livello di Tensione 33-75% Oltre 75%
c€/kVARh c€/kVARh
BT reatt_1-BT reatt_2-BT
MT reatt_1-MT reatt_2-MT
AT reatt_1-AT reatt_2-AT
 

Si consiglia di verificare per tempo l’adeguatezza degli impianti di rifasamento che dovranno essere tarati con un fattore di potenza cosφ minimo a 0,95 per non ricevere penali. Rimane il problema per chi ha fotovoltaico, dove la potenza reattiva prelevata dalla rete rimane la stessa, mentre quella attiva si riduce della quota parte che viene fornita dal generatore fotovoltaico.

CPR ... La nuova era dei cavi elettrici

L’applicazione del Regolamento CPR ai cavi elettrici obbliga le case costruttrici, dal 1° Luglio 2017, alla produzione di cavi più performanti dal punto di vista del comportamento al fuoco rispetto a quelli attualmente disponibili. Sull’argomento è bene ricordare che a livello nazionale è già in vigore il DM 3 agosto 2015 “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”, più noto con il nome di “Codice di prevenzione incendi” che, nell’ambito della misura antincendio “Reazione al fuoco”, descritta nel Capitolo S.1, prevede specifiche classi di reazione al fuoco dei cavi in funzione del profilo di rischio vita prevalente degli occupanti. A fronte delle previsioni del Codice e delle possibili 183 classi di reazione al fuoco previste dalla norma EN 13501-6, per tener conto delle oggettive difficoltà tecnologiche nell’assicurare, ad oggi, alcune delle specifiche più performanti, con la pubblicazione della norma CEI UNEL 35016, in ambito nazionale, è stata fatta la scelta di standardizzare solo 4 classi di reazione al fuoco, nessuna delle quali verifica il comportamento al gocciolamento d0 richiesto, in alcuni casi, dal Codice. Pur con le difficoltà del caso, l’attuale indisponibilità sul mercato delle tipologie di cavi richiesti dal Codice - non impedisce l’utilizzo dello stesso come strumento di progettazione, sia perché il requisito d0 per il gocciolamento può essere declassato a d1 qualora i cavi siano posati a pavimento (o altra installazione equivalente), sia perché il Codice prevede la possibilità di adottare, per ogni livello di prestazione, soluzioni alternative individuate secondo uno dei metodi ordinari di progettazione indicati nella Tabella G.2.1 del “Capitolo G2”, con la possibilità di ricorrere all’Applicazione di norme o documenti tecnici di organismi europei o internazionali, come la norma CEI 64-8 della quale è stata predisposta una variante per disciplinare l’uso dei cavi conformi alla CEI UNEL 35016.

AGGIORNAMENTO ELENCO NORME ARMONIZZATE CPR - 08-2017
10° Elenco norme armonizzate Regolamento[...]
Documento Adobe Acrobat [1.5 MB]

Novità dal mondo

Hai bisogno di dimensionare una linea elettrica BT o MT in tempo reale?

Ti serve uno studio di fattibilità di un impianto:

-Eolico

-Fotovoltaico

-Biomassa

-Termodinamico

-ORC

in tempi celeri?

Contatta al numero (+39) 348.420.8186 o compilate il nostro modulo online.

Blog

Credito d'imposta R&D

15/04/2016
Aggiungi commento

Orari di apertura

am 8,30-12,00 - pm 14,00-18,00

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© BERNAZZOLI Per. Ind. ENZO Via G.B. Nodari,15 - 25040 ESINE(BS) P.I.03165130984